Ci arrendiamo solo nel finale, Quadrifoglio – Tubosider 8 – 12!

E’ arrivato il grande giorno: siamo tra le prime 16 società d’Italia e per festeggiare questo prestigiosissimo traguardo ospitiamo la fortissima Tubosider di Asti, alla vigilia del Campionato tra le favoritissime alla vittoria dello scudetto. A rendere questa sfida ancora più romantica c’è il ritorno a Fagagna da avversario di Marco Ziraldo, fagagnese cresciuto nella nostra società e che grazie alle sue spiccate abilità nelle prove veloci da un anno e mezzo fa parte della rosa degli astigiani.

Inutile dire che la squadra avversaria non è assolutamente alla nostra portata, ma per noi è sufficiente esserci e a fine partita stringere la mano a giocatori del calibro di Amerio, Borca, Mometto, Griva, Gamba, ecc. Per tutti è sufficiente questo, tranne per un giocatore, l’unico veramente in grado di competere a questi livello: Denis Zambon. Il nostro leader è in grado di accendersi in queste occasioni e ad aiutarlo c’è la forma smagliante di questo periodo. Anche quest’oggi fa un figurone: colpisce il pallino finale nel PTA per vincere 24-23 con Borca, per poi sconfiggere lo stesso Borca nell’individuale colpendo 12 bocce su 12. Nelle ultime 4 partite le sue statistiche in bocciata sono state le seguenti: 16 su 17, 14 su 16, 19 su 20, 13 su 16 e 12 su 12 per un totale di 74 su 81 (91%). Peccato sia finito il Campionato, chissà come avrebbe potuto proseguire!

Ma tornando all’incontro, com’è andato? Non crederete ai vostri occhi, ma non è mancato molto per l’impresa finale. Grazie alla vittoria di Denis nel combinato ci sblocchiamo subito e scacciamo gli incubi del cappotto: il primo turno termina sul 2-4. Nicola e Marco vengono ovviamente sconfitti da Marco e Borca nella staffetta, mentre Simone chiude la sua stagione di tiri tecnici con la ciliegina sulla torta: ottiene lo scalpo dello specialista numero 1 in Italia forse, Gamba (18-15). Subito dopo va in scena una sorta di esibizione di Marco con 46 centri su 50 tentativi.  

Il secondo turno si apre quindi sul 4-8 e noi saremmo già soddisfatti così. I nostri “campioncini” però ci regalano ancora qualche emozione. Denis si sbarazza molto velocemente di Borca (13-3) nel primo singolo e a poche giocate dal termine la situazione è la seguente: Pierino conduce su Amerio per 12-7, la terna Bernard, Ezio e Gigi sono 9-9 con Olivetti, Cavagnaro e Gamba, infine Simone e Bruno sono appaiati sull’8-8 (dopo essere stati in vantaggio anche per 8-3) con Griva e Mometto. Incredibile, vincessimo due di queste tre partite pareggeremmo, vincendole tutte e tre vinceremmo con la Tubosider. Gli spettatori assiepati sugli spalti si pizzicano, non credono ai propri occhi: sogno o realtà? Forse, purtroppo, anche i nostri eroi iniziano a pensarci e di lì a poco si sussegue una serie interminabile di errori: la coppia e la terna crollano di schianto e soltanto Pierino riesce a difendere con le unghie e con i denti il vantaggio accumulato. 8-12 è quindi il risultato finale, ma quante emozioni!

L’incontro di ritorno, ad Asti, causa lutto per le famiglie Zambon e Ziraldo, non si disputerà mai. Il Campionato di Serie A 2004/05 si chiude qui per noi. Un’altra stagione fantastica per la Quadrifoglio, che entra di diritto nella storia della società e nella memoria dei suoi protagonisti.

A domani per le statistiche complessive di ogni giocatore!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *